Loredana Bogliun, nata a Pola nel 1955 da famiglia dignanese, ha frequentato a Dignano le elementari e il Ginnasio a Pola. Si è laureata in psicologia presso l’Universita’ di Lubiana, conseguendo il master in psicologia a Zagabria e il dottorato di ricerca in scienze sociali a Lubiana, dove ha operato come ricercatrice. Scrive poesie in italiano e dialetto dignanese ( istrioto) di cui e’ attenta e  preziosa  cultrice.  E’ stata redattrice della rivista culturale »La Battana«, saggista e ricercatrice sociale, una delle fondatrici della Partito regionalista Dieta Democratica Istriana e vicepresidente della Regione Istriana. Ha iniziato a pubblicare componimenti poetici a partire dal 1972. Fra  i suoi saggi e opere di ricerca da rilevare »L’identitĂ  etnica. Gli italiani dell’area istroquarnerina« (CRS, Rovigno. Etnia V, 1994). E’ stata tradotta in croato, sloveno, inglese, tedesco,  spagnolo, hindi, romeno, macedone e altre lingue ed ha conseguito numerosi premi letterari. »Ha pubblicato varie raccolte – apprezzate da autori e critici d’eccezione come Loi, Zanzotto e Brevini – fra cui »Poesie« (Edizioni »Impegno 80«, Mazara del Vallo,1988) e »Vorbid despre noi« (in lingua romena, 1989),«Voci dalla sala d’aspetto«(1999),  »Mazere- GromaÄŤe »(1993), »La peicia« (1996) »Vecio eistrian« ( 1995)» Graspi/Grappoli (2013), »Soun la poiana (2000), e »Sfisse/Fessure Spiragli (2016 , Edizioni Confine), »Par creisto inseina imbroio» (Book editore, 2021). Pluripremiata al concorso »Istria Nobilissima«, ha vinto il Concorso CittĂ  di Trento »Trofeo del Buonconsiglio«, Poesia in Piazza (Muggia), il Premio »Drago Gervais« (Fiume) , il Premio San Benedetto del Tronto, e il Premio Ischitella. Franco Brevini ha incluso i suoi testi nell’antologia »Le parole perdute. Dialetti e poesia del nostro secolo« (Torino, Einaudi, 1990).
Da “Sfisse” (Fessure)

( Sfisse – fessure, spiragli, Ed. Cofine, Roma, 2016)

Inveito (invito)

 

Par savi de mei

begna ch’a te vaghi

a pestà le fuie d’al busco

 

i soin caiuda par tera

par farme radeiga

 

sto ano i arbori me fa festa

e pioun longa si la staiòn

ch’a lassa i pumi cachi soun le rame

 

co tei sarè a catame ciamime forto

coussei tei cugnussarè

al me passo soun sta tera

 

sei, la tera, salvadeiga ma ameica

al so seilensio scondo doute le me sparanse

scultilo cu la passiensa d’al to cor suleigno

 

i no sé fa altro par deite de mei

invito

per sapere di me/ devi andare/ a calpestare le foglie del bosco// sono caduta per terra/ per farmi radice// quest’anno gli alberi mi fanno festa/ e più lunga è la stagione/ che lascia i cachi sui rami// quando andrai a cercarmi chiamami forte/ così conoscerai/ il mio passo su questa terra// sì, la terra, selvaggia ma amica/ il suo silenzio nasconde tutte le mie speranze/ ascoltalo con la pazienza del tuo cuore solitario// non so far altro per dirti di me

Zmagna

Faveli par quil silensio screito

In t’ai oci de le me contrade

Cu screipula le careghe

Zi l’anema de la me zento ch’a prega

San Zane cuverzo e vadagna al tempo cumo sto meio puinsier sacramentado

No zi logo ch’a pudaravo zitera’ par sempro

La zmagna de sta mizericordia anteica

Zaneveri fouma pal fogo

Ch’a magna l’aria co le so fantazeie

Mei se capei quil ch’a zi sconto

In t’ai oci de le me contrade

Sigouuro al leroio io’ sempro batpou’

Sopul silensio tormenta’ de la me veita grama